Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Museo Nazionale di storia e cultura afroamericana

Chicago 15.02.2017 Juan Pablo Pezzi Traduzione di: Jpic-jp.org

Questo museo (NMAHC nella sua sigla inglese) è stato inaugurato dall'ex Presidente Obama, il 26 settembre 2016 e racconta la lunga ricerca di una profonda consapevolezza degli schiavi africani e il loro difficile cammino verso la dignità e la libertà come esseri umani.

"Sotto di noi, questo edificio scende più di 21 metri - ha detto Obama, in apertura del suo discorso -, le sue radici si estendono molto più ampie e profonde di quelle di qualsiasi albero; nel suo livello più basso, dopo essere passati accanto ai resti di una nave di schiavi, dopo aver riflettuto sulla dichiarazione immortale che tutti gli uomini sono creati uguali, è possibile vedere un blocco di pietra". Un blocco su cui si vendevano gli schiavi.

L'edificio, ricoperto di 3600 lastre, evoca una corona africana, è un omaggio al lavoro degli schiavi e protegge uno spazio effettivo di esposizioni di quasi 8.000 m2. L'edificio si ispira all'arte degli Yoruba, di New Orleans, della diaspora e dei Caraibi. Questo museo, "ci aiuta a capire meglio la vita del presidente, certo, ma anche dello schiavo; dell'industriale ma anche del portinaio; del difensore dello status quo ma anche dell'attivista che questo status quo vuole cambiare; dell' insegnante e del cuoco insieme alla vita dello  statista. Conoscendo queste storie così diverse, noi impariamo a capire meglio noi stessi e gli altri", ha detto Obama. Il museo, "Viaggio di un popolo e storia di un paese", ci dice che "L'esperienza afro-americana è la lente che permette capire che cosa vuol dire essere americano".

Un museo non può raccontare il futuro. Tuttavia dopo le tre Gallerie interrate sulla storia - Dalla schiavitù alla libertà, L'epoca della segregazione, Cambiare l'America - il museo continua nella parte superiore con altre tre gallerie - Esplorare di più, Vita delle comunità, Cultura - e cerca di gettare uno sguardo sul futuro. "La storia correttamente raccontata è una buona base per un presente e un futuro migliori "(John Hope Franklin).

 Obama, il primo presidente americano nero, ha aperto il museo prendendo per mano Ruth una donna di 99 anni discendente di un ex schiavo del Mississippi. Insieme hanno suonato la campana appartenente alla Prima Chiesa Battista della Virginia che un secolo e mezzo orsono risuonò nel giorno dell'emancipazione. Con questo gesto voleva affermare che la pagina di storia della schiavitù era stata girata. Purtroppo, la realtà è ancora diversa. "Un museo da solo non allevia la povertà nascosta nelle città o nelle zone rurali. Non elimina la violenza delle armi da tutti i nostri quartieri, né assicura immediatamente  che la giustizia non guardi al colore della pelle. Non asciuga tutti i casi di discriminazione nei colloqui di lavoro o nelle condanne dei tribunali o quando la gente cerca di affittare un appartamento. Queste cose dipendono da noi, dalle decisioni e dalle scelte che facciamo. Richiedono che se ne parli, che ci sia organizzazione, che si facciano scelte al momento del voto", ha riconosciuto Obama nel suo discorso. Per saperne di più  vedi qui e Catholic stories emerge e per vedere alcune belle foto del Museo vai a I, Too, Sing America.

Lascia un commento