Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità<br /> del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato
Giustizia, Pace, Integrità del Creato

Seminario sull'Accaparramento di Terre

Documenti di base

Contenuto del Seminario sull'Accaparramento di Terre

GPIC CORSO DI FORMAZIONE SULL'ACCAPARRAMENTO DI TERRE (AT)

 

Padre Gian Paolo Pezzi, MCCJ – Membro di VIVAT International

www.jpic-jp.org   www.vivatinternational.org

 

Le sessioni: obbiettivi e contenuti

 

0-. Riunione di apertura. INTRODUZIONE AL CORSO 

        .Obiettivi della sessione. In questa sessione vogliamo:

        1-. Conoscerci fra animatori e partecipanti

        2-. Capire la iniziativa e gli obiettivi del seminario

        Una riflessione speciale per questo corso

        3-. Porci di fronte al tema della terra

        4-. Organizzarci per il seminario ( orario e altri aspetti pratici )

        . Contenuti della sessione

        0-. Apertura. PP. Preghiera al Nostro Padre

        1-. Breve attività per conoscerci (Attività personale N°1)

        2-. Presentare l'iniziativa e gli obiettivi del seminario

        Una parola speciale in occasione di questo seminario (futuri animatori)

        3-. Alcune parole che riguardano la Terra

        4-. Aspetti pratici: accordi da rispettare durante il seminario (Orari, servizi, etc...)

        Conclusione. PP: Questo luogo è terra sacra

       . Attività N°1  Per conoscerci fra partecipanti.

       ° Ciascuno dice solo il suo nome col quale desidera di essere chiamato.

       ° Ciascuno riceve un cartoncino: su di esso scrive due dati che lo identificano, senza il nome.

       ° I cartoncini sono attaccati all'albero della parete dove tutti possono leggere: ricordando il nome ogni partecipante durante il riposo, cercherà di identificare gli altri.

Sessione 1.  PARLIAMO DELLA TERRA

       . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo imparare a tener conto che:

       1-. La Terra è una parte dell'Universo

       2-. La Terra è fonte di vita: è la Madre che ci nutre

       3-. La Terra è la nostra casa comune, la unica che abbiamo

       4-. La Terra è “territorio” , “base” di vita, di potere e centro di conflitti; In essa è oggi “la chiave” per capire ciò che succede nel mondo.

       5-. La Terra è il campo, la terra che coltiviamo per il nutrimento e dove uno abita.

       . Contenuti della sessione

       0-. Apertura.  PP. Un viaggio straordinario: la Terra, parte dell'Universo

       1-. La Terra è Madre: Tutti siamo uno! Power Point

       2-. La Terra: nostra unica casa comune

       3-. La Terra è il nostro territorio. Breve percorso storico: la Terra “base” della vita in politica, in temi sociali ed economici.

       4-. Attività personale e lavoro di gruppo

       ° Iniziazione al Lavoro di  gruppo

       ° Attività personale N°2: Il mio cammino di vita il mio coinvolgimento in JPIC.

         Lavoro di gruppo N° 1: Condividere

               - Storie personali in relazione alla Terra: sfide, gioie, fallimenti.

               - Mettere a fuoco una delle ingiustizie che nascono dalla Terra.

        5-. Assemblea per condividere

        ° Ogni gruppo presenta gli elementi principali delle proprie discussioni (5 min. x gruppo, leggere quanto scritto)

        ° Discussione sui risultati e sulle conclusioni dei gruppi (30 min.)

Conclusione. PP.  La risposta è nel vento

        . Lavoro personale e di gruppo

        1°-. Introduzione al lavoro di gruppo

        2°-. Attività N°2 (15 minuti)

        ° Ciascuno disegna una linea su un foglio di carta

        ° La linea rappresenta il cammino della vita

        °  Al di sotto della linea si pone la data e sopra immagini o parole (eventi ed esperienze che hanno motivato a lavorare per JPIC in relazione alla terra).

        3°-. Lavoro di gruppo N°1 (30 minuti)

        ° I partecipanti integrano il loro gruppo

        ° Ogni gruppo sceglie un moderatore e relatore

        ° Ogni partecipante condivide la sua esperienza sul tema: Storie personali in relazione con la terra: sfide, gioie, fallimenti, mettendo a fuoco una ingiustizia.

        °  Il moderatore aiuta a trovare elementi comuni e li annota su un foglio per presentarli all'assemblea.

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

 Sessione 2.  CHE COSA E' O CHE COSA SI INTENDE PER LAND GRABBING O ACCAPARRAMENTO DI TERRE?

        . Obiettivo della sessione – In questa sessione vogliamo:

       1-. Capire esattamente e chiaramente che cosa è ciò che si chiama  Accaparramento di Terre (AT).

       2-. Capire perchè i temi del AT sono complessi e ambigui.

       3-.  Comprendere l'importanza di avere idee chiare e obiettivi coerenti quando si lavora per JPIC opponendosi al AT.

         Contenuti della sessione

        0-. Apertura PP. Ciò che è più simile al paradiso

        1-. Una idea di base: L'AT è un tema ambiguo

        2-. Approfondire: Che cosa è e che cosa si intende per AT

        3-. Attività personale N°3: come ci poniamo di fronte l problema

        4-. Lavoro di gruppo N°2: osservare la nostra realtà

Conclusione PP.  Io ti giudico mondo attuale.

        . Attività N°3

        ° Ora possiamo esprimere le nostre aspettative sul corso. Lo facciamo con una attività personale:

        ° Ogni partecipante scrive 2 aspettative su un foglio adesivo

        ° Il foglio adesivo viene attaccato all'albero della Parete, simbolo di connessione con il tema del AT, ponendolo dalla parte dove si trova il proprio lavoro.

        ° Lasciamo spazio sul foglio per correggere le nostre aspettative durante il seminario.

         . Lavoro di gruppo N°2.  Riflessione comunitaria

         ° Introduzione al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5 min.)

         ° I partecipanti integrano il proprio gruppo (la dinamica è sempre la stessa finchè non si dica il contrario).

         ° Esiste il problema del AT nella nostra regione e nel nostro paese?

         ° Conosciamo le leggi nazionali e quelle tradizionali?

         ° I nostri agricoltori conoscono i meccanismi legali per proteggere i loro diritti sulla terra?

         °  la comunità cristiana ha considerato seriamente questo problema?

         ° Raccogliamo la documentazione che ci permette di comprendere questo problema e aiutare a difendere la terra dei poveri?

         ° Prendiamo nota attentamente  degli abusi e delle ingiustizie?

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

Sessione 3.  ACCAPARRAMENTO DI TERRE NEL MONDO: SOMIGLIANZE, DIFFERENZE 

         . Obiettivi della sessione .  In questa sessione vogliamo capire

         1-. Il problema insito nel AT: il cibo e la fame nel mondo.

         2-. La portata e la dimensione del AT nel mondo.

         3-. Conoscere alcuni termini utilizzati in temi in relazione con la terra.

          .   Contenuti della sessione.

         0-. Apertura.  Una preghiera con la natura.  Cantico delle creature

         1-. La terra, il cibo, la fame.

         2-. Portata e dimensione del AT

               ° nel mondo;

               ° rischi comuni e differenze.

         3-. Parole usate nei temi sulla terra.

         4-. Lavoro di gruppo N°3: esperienze dirette dei partecipanti.

         5-. Assemblea: condividere le riflessioni dei gruppi.

Conclusione. PP.  Le parole sono pietre, le immagini colpiscono.

         . Lavoro di gruppo N°3

         ° Introduzione al lavoro di guruppo da parte dell'animatore (5min)

         ° Ognuno integra il suo gruppo (sempre con la stessa dinamica – 20 min.)

         ° In questo lavoro di gruppo vogliamo condividere sulla nostra esperienza personale:

             - Che cosa sappiamo su l'AT?

              - Dove troviamo le conoscenze? Esperienze dirette o ascoltate o lette?

              - Quali elementi di AT ho percepito in Africa, Europa, Amarica Latina e nel mio Paese?

              - Quali le somiglianze e quali le differenze?

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte

Sessione 4.  AT OPPORTUNITA' O  MINACCIA?

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:

        1-. Capire in modo approfondito che cosa sta dietro al fenomeno del AT;

        2-. Saper distinguere la prospettiva di denaro o di guadagno finanziario dei legittimi interessi delle persone e dei loro diritti umani;

        3-. Poter mettere in luce le ipocrisie che esistono nel linguaggio e nelle attività relative al problema.

        Contenuti della sessione

        0-. Apertura PP.  Una orazione che ha provocato controversie

        1-. AT, opportunità o minaccia ? Un esempio in Centro America, quello del Guatemala

        2-. Politiche sui diritti di proprietà delle terre. Un esempio, quello dell'Africa

        3-. Terra e Diritti umani.

        4-. Lavoro di gruppo N°4

Conclusione:  PP.  C'era una volta una corsa di rane

        .  Lavoro di gruppo N°4

         ° Introduzione al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5 min)                    

         ° I partecipanti integrano il proprio gruppo ( sempre con la stessa dinamica -20 min.)

         ° Il lavoro inizia con 5 minuti di silenzio nei quali ogni partecipante pensa un caso di vendita o di affitto di terre che conosca nel suo Paese.

         ° Il gruppo sceglie un caso da analizzare insieme. In questo caso

         ° Questo commercio di terre è stato una opportunità o una minaccia?

         ° Per chi? Chi ha guadagnato o chi ha perduto?

         ° Quali diritti vedo coinvolti? E quali di essi vulnerati?

         ° Quali ipocrisie di linguaggio si notano in questo caso?

*Il responsabile di gruppo conserva le risposte.

Sessione 5. TERRA CONDIVISA RESPONSABILITA' CONDIVISA: DIMENSIONE CULTURALE E RELIGIOSA DELLA TERRA.

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:

        1-. Prendere coscienza: ogni approccio alla terra, personale o comunitario, nasce da una visione globale della vita.

        2-. Focalizzare un fatto: la terra è punto di riferimento e di sostegno nella nostra vita intera.

        3-. Conoscere qualche “ punto di entrata “ sulla terra e AT, comune con chi possiamo lavorare insieme, anche se non condivide la nostra fede religiosa.

        . Contenuti della sessione .

        0-. Apertura.  PP.  Siamo il prodotto di ciò che pensiamo

        1-. Che cosa pensano gli altri.

            ° I popoli indigeni.

            ° Accaparratori di terre

            ° Altre religioni

         .  Lavoro di gruppo N°5

Conclusione   PP.  Il 1° manifesto ambientale

         .  Lavoro di gruppo N°5

         ° Introduzione del gruppo di lavoro da parte dell'animatore (5 min.)

         ° Ciascun partecipante integra il suo gruppo (sempre con la stessa dinamica – 20 min)

         ° In questo lavoro di gruppo vogliamo Condividere la nostra esperienza personale su:

           - Che cosa la gente con cui vivo? (protestanti, politici, compagnie farmaceutiche)

           - Che cosa dice la Bibbia, la Dottrina Sociale della Chiesa, la Commissione Pontificia Giustizia e Pace?

           - Che cosa penso io, che cosa pensano gli altri?

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

Sessione 6 – GERGA DE L'AT:  CHE C'E' DIETRO ALLE PAROLE?          

          . Obiettivi della sessione .  In questa sessione vogliamo:

          1-. Prendere familiarità con alcune parole e concetti che utilizzano i medi di comunicazione per riferirci a questi temi.

          2-. Capire la connessione fra questi termini e l' AT.

         Contenuti della sessione

         0-. Apertura. PP.  Il rituale degli indios Cherokee

        1-.  Presentazione di termini tecnici 1. Agro-combustibili. 2. Ecosistema, 3.Sviluppo sostenibile. 4. Effetto ibernazione. 5. Accaparramento di acqua. 6. Cambio climatico. 7. Riscaldamento globale.

        2-.  Lavoro di gruppo N°6

        3-.  Assemblea: domande e risposte

Conclusione. PP. Scuotiti e muoviti

         . Lavoro di gruppo N°6

        °  Introduzione al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5min)

        °  I partecipanti integrano il proprio gruppo (sempre c0n la stessa dinamica- 20 min)

        ° In questo lavoro di gruppo vogliamo condividere la nostra esperienza

               - Facendo una lista di altri termini tecnici che abbiamo ascoltato.

               - Discuterli per vedere la connessione fra questi termini e l'AT.

*Il  responsabile del gruppo conserva le risposte

Sessione 7-  L'IMPATTO DI AT SULLE RISORSE NATURALI E LA VITA: acqua, agricoltura, sementi, cambio climatico, migrazioni, traffico di persone.

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo vedere come

       1-. L'AT si “intreccia“ con tutta la realtà;

       2-. Oggi la terra sta al centro degli interessi economici del mondo;

       3-. Certi diritti umani sono colpiti dall'AT.

       Contenuti della sessione

       0-. Apertura  PP.  Ho un sogno

       1-. Connessione fra AT e agricoltura

       2-. AT e l'acqua, gli alimenti, la casa adeguata e la vita.

       3-. AT ed i cambi climatici

       4-. Attività personale N°4

       5-. Assemblea P&R.

Conclusione.  PP.  Il cambio climatico

       .  Attività personale N°4

          °Ogni partecipante legge un articolo di stampa o di internet su l'AT.

          ° Mette in evidenza quali risorse naturali sono state maltrattate e quali  diritti umani sono stati vulnerati a causa del AT.

          °Nel tuo paese e nel tuo ambiente, qual è l'impatto del AT sulla quotidianità economica e sociale?

          ° Hai un elenco dei disastri che tu conosci direttamente?.

          ° I partecipanti condividono i loro risultati nel gruppo. Segue dibattito in assemblea

*Il responsabile di gruppo conserva le risposte

Sessione 8. DISTRIBUZIONE DEL POTERE E STRUTTURA DELLA SOCIETA': Strutture e dinamiche soggiacenti alla società e alle comunità in cui  lavoriamo.

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione chiediamo:

        1-. Capire come le questioni del AT non solo sono temi di vita, ma sono ciò che definisce la vita economica e sociale di un paese;

        2-. Prendere familiarità con la terminologia e i linguaggi usati nei dibattiti su l'AT;

        3-. Prendere coscienza coscienza della complessa realtà che soggiace al problema del AT;

        4-. Capire la necessità di saper “nominare” i differenti aspetti di questa realtà così complessa.

        5-. Essere capaci di individualizzare e definire chiaramente le parti interessate e implicate in un caso concreto di AT.

         Contenuti della sessione

         0-. Apertura  PP.   “ El mojado” ( Gli interessati o i coinvolti)

         1-. La società: insieme di strutture che dirigono e organizzano le proprie relazioni. E' un sistema sociale

         2-. Il sistema sociale: norme, costumi, istituzioni (Politica, economia, cultura, religione).

         3-. Cittadinanza e sicurezza: due fattori coesivi del sistema sociale.

         4-. Alleanze ed interessi che giocano nella dinamica sociale in relazione al  bene comune, la sussidiarietà, la solidarietà.

         5-. I governi nazionali sono ufficialmente i garanti nella difesa delle loro comunità ed i titolari delle terre di fronte ad accordi ed investimenti.

         6-. La banca mondiale: attore fondamentale nel fenomeno del AT.

         7-. Attività personale N°5: Analizzare l'organizzazione sociale in cui si vive.

         8-. Lavoro di gruppo N°7: Esaminare un caso reale di AT. Chi è Chi?

Conclusione.  PP. La paura di aprire certe porte.

          . Attività N°5

          ° Orientamento (5 min)

          ° Ciascuno analizza la  organizzazione sociale del suo paese e della sua regione, le sue alleanze e dinamiche (20 min.)

          ° Ciascuno fa un grafico di riferimento su un foglio che iserà nel lavoro di gruppo per analizzare il caso di AT

          °  La domanda di base: Chi controlla l'economia, la politica, la religione, la cultura?

          . Lavoro di gruppo N°7

          °  Introduzione al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5min)

          °  Il gruppo legge un articolo di stampa o di internet su un caso reale di AT e lo dibatte:

          °  Chi, quali sono gli attori coinvolti nel AT?

          °  Quali fattori e/o quali politiche stanno fomentando l'AT? (10 min. lettura individuale e 15 min. discussione in gruppo)

          °   Discussione in assemblea dei risultati e conclusioni

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

Sessione 9. LA RESPONABILITA' SOCIALE: organismi e strumenti (ufficiali o no) in relazione con l'AT

        . Obiettivi della sessione. In questa sessione vogliamo conoscere:

        1-. Le leggi nazionali ed internazionali che stabiliscono i diritti sulla terra e che sono strumenti per difendersi in caso di AT.

        2-. La nuova tendenza delle imprese: sviluppare i propri strumenti su affari e diritti umani per ottenere i propri obiettivi

        3-. Il dovere dei governi di rispondere ai suoi cittadini e delle imprese ai loro Stati ed agli Organismi Internazionali (ONU, etc.)

        4-. La responsabilità sociale: una realtà complessa per la connessione esistente tra imprese, diritti umani e natura.

        5-. Il ruolo centrale della società civile per ottenere e usare gli strumenti giuridici idonei  contro l'AT.

        .  Contenuti della sessione

       0-. Apertura.   PP.  L'esempio

       1-. Strumenti ufficiali: stabiliscono le norme minime che si devono rispettare in materia di AT.

        ° Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (10.12.1948)

        ° Patto Internazionale dei Diritti Economici, Sociali e Culturali (03.01.1976)

        ° Sovranità permanente sulle risorse naturali (Res. 1803/1962)

        ° Carta dei diritti e doveri economici dello Stato (3281/1974)

        ° Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni (13/09/2007)

        ° Carta Africana sui Diritti Umani e dei Popoli (27/07/1981)

        ° Convenzione Americana sui Diritti Umani (7-22.11.1969)

        ° Accordo Europeo per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali (01.06.2010)

        2-. I documenti privati:  si pongono fra gli interessi degli azionisti e quelli della persona:

        ° La nuova tendenza: si contrappone al dovere di proteggere i diritti della gente.

        ° Convergenza fra settore privato e settore pubblico

         3-. Le nuove direttive: mirano ad assicurare i rispetto dei diritti sulla terra, il cibo, le risorse umane, la proprietà, l'abitazione e gli altri diritti economici, sociali e culturali. Missione fallita.

         4-.  Lavoro di gruppo N°8:la responsabilità sociale e personale in affari comunitari.

Conclusione.  PP.  La responsabilità è di tutti

         . Lavoro di gruppo N°8

          ° Introduzione al lavoro di gruppo del gruppo da parte dell'animatore (5min)

          ° I partecipanti integrano il proprio gruppo (sempre con la stessa dinamica- 20 min)

          ° In questo lavoro di gruppo vogliamo riflettere sulla responsabilità sociale e personale negli affari comunitari:

          ° Dove sviluppo le mie attività

                - Quali di questi strumenti sono conosciuti e tenuti in conto?

                - I diritti alla terra , al cibo, alla casa, - i diritti umani fondamentali – sono conosciuti  e rispettati?

                - Contadini e popoli indigeni del Paese conoscono questi strumenti legali e li usano?

                - Quali sono le forze di questi strumenti e quali le loro debolezze?

                - Prendiamo sul serio il problema del AT?

                - Raccogliamo documentazione per poter difendere il diritto alla terra dei contadini e dei popoli indigeni?

                - Abbiamo documentato casi di abuso ed ingiustizia?

                - Quale è la responsabilità sociale e personale che ho assunto o che sto per assumere?

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

Sessione 10.  STRUMENTI

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo conoscere:

        1-. Alcuni aspetti del sistema ONU utili nella lotta contro l'AT;

        2-. I meccanismi  per chiamate urgenti in certi casi di AT.

        . Contenuti della sessione

        0-. Apertura. PP.  Che cosa ci riserva l'avvenire?

        1-. Sistema di azione urgente e di allerta precoce, esistenti in ONU, che potrebbero essere utili per casi di AT.

             ° Allerta precoce: pietra angolare per la riduzione dei disastri

             ° Strategia Internazionale dell'ONU per la riduzione dei disastri

        2-. Gli organi di vigilanza dell'ONU: Sono Comitati di esperti indipendenti incaricati di vigilare  il rispetto dei diritti umani fondamentali da parte degli stati membri. Sono 4:

             ° Comitato dei Diritti Umani

             ° Comitato per la Eliminazione della Discriminazione contro la Donna

             ° Comitato per la Eliminazione della Discriminazione razziale

             ° Comitato per i Diritti economici, Sociali e Culturali 

        3-. Procedimenti speciali e Appelli urgenti

              ° Relatore Speciale (RS) sui diritti dei popoli indigeni. Il RS può fare visite per investigare su situazioni specifiche.

              ° RS sulla abitazione adeguata

              ° RS sugli obblighi dei Diritti Umani legati alla gestione e alla eliminazione delle sostanze e dei rifiuti dannosi.

              ° RS sulle esecuzioni extragiudiziale, sommarie o arbitrarie

              ° RS sul diritto alla alimentazione

              ° RS sulla promozione e protezione del diritto alla libertà di opinione e di espressione

              ° RS sul diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica

              ° RS sul diritto di ogni persona al più alto livello possibile di salute fisica e mentale

              ° RS sulla situazione dei difensori dei diritti umani

              ° RS sulla questione della tortura

        4-.   Altre possibilità

             ° Il Fondo di Contribuzioni Volontarie per le Popolazioni Indigene

              ° Programma di Borse di Studio per i rappresentanti Indigeni

              ° Programma di Borse di Studio per minoranze

              ° Programma di Borse di Studio per Persone di Discendenza Africana

         5-.   Gruppo di lavoro N°5

               ° I diritti umani e le imprese transnazionali

               ° La Detenzione Arbitraria

Conclusione.  PP.  Che cosa c'è dietro alle imprese.

        .  Lavoro di gruppo N°9

                   °     Introduzione al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5 min)

                   °     I partecipanti integrano il proprio gruppo (sempre con la stessa dinamica-20min)

                   °     In questo lavoro di gruppo chiediamo di riflettere su:

                    - I diritti umani  e le imprese transnazionali.

                    - Esiste questo conflitto nella nostra regione ?

                    - Come li abbiamo confrontati ?

                    - Abbiamo fatto ricorso ai corrispondenti organismi?

                    Che risultato abbiamo ottenuto?

*Il responsabile di gruppo custodisce le risposte

Sessione 11.  CONSENSO LIBERO, INFORMATO, PREVIO (CLIP)

        Obiettivi della sessioneIn questa sessione vogliamo:

         1-. Capire in che cosa consiste il CLIP;

         2-. Conoscere i documenti chiave che promuovono il fondamento del CLIP;

         3-. Saper analizzare casi di AT per verificare se il CLIP è stato rispettato;

         4-. Acquisire conoscenze per la promozione del CLIP ed esigere che sia rispettato in casi concreti di AT.

         Contenuti della sessione.

         0-. Apertura  PP.  Che ne è di noi?

         1-. Che cosa è il CLIP?

         2-. I Fondamenti etici, storici e giuridici del CLIP

         3-. Gli strumenti ed i documenti che specificano il CLIP

         4-. Casi nei quali lo si è utilizzato con successo

         5-. Altri elementi di analisi sul CLIP

              ° Che significa il CLIP per le popolazioni della montagna?

              ° Quali sono alcuni ostacoli al CLIP?

              ° Perchè il CLIP è importante per le imprese e per il Governo?

Conclusione.   PP.  Il vantaggio di lavorare in gruppo

        Lavoro di gruppo N°10

          ° Introduzione al gruppo di lavoro da parte dell'animatore (5 min)

          ° In gruppo, partendo da quanto hanno appreso, i partecipanti analizzano:

             - Conosciamo casi in cui il CLIP è stato rispettato nella nostra regione?

             - Quali sono stati i risultati?

             - A che cosa si deve la riuscita o il fallimento?

             - Come rendere effettivo questo diritto?

             - Quali sono i rischi?  (15 min)

            ° In assemblea ciascun gruppo presenta gli elementi principali della propria discussione.  ( 5 min per gruppo)

            ° Discussione su ogni caso dopo la presentazione (5-8 min per gruppo)

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte.

Sessione 12.  LE DIRETTIVE VOLONTARIE DELLA FAO

        Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:

        1-.  Conoscere alcune direttive volontarie della FAO

        2-.  Capire la loro importanza ed i loro limiti.

        Contenuti della sessione

        1-. Apertura.  PP.  La agricoltura familiare

        2-. Le Direttive Volontarie della FAO: Chi le ha formulate? Come e quando?  Orientamenti e Presentazione:

             ° Linee direttrici di base

             ° I loro obiettivi specifici

             ° Analisi del documento

        3-.     Loro importanza in funzione della società civile

        4-.     Limitazioni ed opinioni – Discussione in assemblea

Conclusione.  PP.  Il primo come capo

Sessione 13. PRINCIPI PER UN INVESTIMENTO RESPONSABILE  IN AGRICOLTURA  E  NEL SISTEMA ALIMENTARE (IRA)

        Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:

        1-. Familiarizzare con i principi IRA ed i suoi possibili campi di applicazione;

        2-. Capire il valore di questi principi.

        .  Contenuti della sessione

        0-. Apertura  PP.  Chi produce gli alimenti?

        1-. I 10 principi per una IRA:

          ° Per chi sono stati formulati?

          ° Come e quando?

          ° Orientamenti,

          ° A che punto siamo?

          ° Presentazione del documento

        2-.  I suoi limiti:

          ° "Regole volontarie"

          ° Disaccordo della società civile.

        3-.  Opinioni e discussione in assemblea.

Conclusione.  PP.  La terra in miniatura

Sessione 14.  VERSO UNA STRATEGIA GLOBALE PER FAR FRONTE AL  AT

         Obiettivi della sessione: In questa sessione vogliamo:

         1-. Prendere coscienza di quello che si può fare a livello locale e attraverso sforzi comuni per prevenire e far fronte al AT;

         2-. Conoscere differenti organizzazioni coinvolte nel combattere l'AT;

         3-. Elaborare un progetto di strategia globale;

         Contenuti della sessione

         0-. Apertura PP.  La canzone de Petrolio, del Gelo e del Fuoco

         1-. L'urgenza di una strategia globale su AT

         2-. Che cosa si può fare?

         3-. Abbozzo di una strategia globale: le 4 P – Prevenzione, Pianificazione, Partecipazione (Partnership), Prosecuzione (Imputazione)

         4-. Che osa ci si attende a livello regionale, nazionale, internazionale?

         5-. Dove possono intervenire le nostre ONG?

         6-. Informazioni sulle organizzazioni mondiali, regionali e gruppi che lavorano per far fronte al AT .

         7-. Lavoro di gruppo N°11

Conclusione.  PP.  C'è una soluzione a tutto.

         . Lavoro di gruppo N°11

           ° Introduzione del gruppo di lavoro da parte dell'animatore. (5 min)

           ° In gruppo, individuare e sviluppare possibili  strategie regionali per propria regione (30 min)

           ° I gruppi presentano le strategie che hanno sviluppato (10 min. per gruppo)

           ° Dibattito su ogni caso (max. 15 min. per caso)

*Il responsabile del gruppo custodisce le risposte.

Sessione 15.   A PARTIRE DA QUI DOVE SI VA? SVILUPPO DI UN PIANO  D'AZIONE

        Obiettivi della sessione.   In questa sessione vogliamo:

        1-.Capire lo scopo di sviluppare un Piano d'Azione (PdA) adeguato, che coinvolga tutte le parti interessate;

        2-. Conoscere gli elementi chiave di un PdA ed essere capaci di svilupparli;

        3-. Elaborare un abbozzo di PdA  

        4-. Conoscere il cammino per formare gruppi parrocchiali di Giustizia e Pace

        Contenuti della sessione

        0-.  Apertura.  PPColora il tuo mondo di gentilezza

        1-.  Che cosa è un Piano d'Azione?

        2-.  Quale è il valore aggiunto di un PdA e quali sono i suoi obiettivi ?

        3-.  Qual è il processo per sviluppare un PdA e chi deve essere coinvolto?

        4-.  Come è strutturato un PdA? Quali sono i suoi elementi chiave?

            ° Visualizzare le questioni chiave

            ° Una “cartografia” dell'ambiente esterno: Analisi delle parti interessate

            ° Fissare gi obiettivi.

        5-.  Strumenti per il lavoro dei Circoli Parrocchiali: conoscere la situazione, raccogliere e analizzare le informazioni.  PP. Prendi la mia vita.

        6-.  Lavoro di gruppo N°12

          ° Introduzione del lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5 min)

          ° Ciascun gruppo, a partire da ciò che si è appreso, elabora il suo PdA  (60 min)

          ° Ogni gruppo presenta all'assemblea il PdA elaborato (10 min per gruppo)

          ° A seguire dibattito su ogni PdA (10 min max. per caso )

 *Il responsabile del gruppo custodisce le risposte.

Sessione 16.  INTEGRITA'  DI UNA CREAZIONE:  LAVORARE CON ALTRE RELIGIONI SULLE QUESTIONI DI AT

        Obiettivi della sessione:  In questa sessione vogliamo:

        1-. Prendere coscienza della importanza di lavorare insieme con i dirigenti ed i membri di altre religioni sulle questioni dell'AT;

        2-. Imparare come comunicare con efficacia con le differenti culture e religioni;

        3-. Condividere esperienze di lavoro con persone di altre religioni.

        Contenuti principali della sessione

        0-. Apertura.  Carta del 2070

        1-. Le dimensioni interculturali ed interreligiose.

        2-. Comunicare oltre le frontiere.

        3-. Lavorare sui temi dell'AT sia in gruppo sia personalmente, senza tener conto delle differenze.

        4-. L'integrità della creazione, valore religioso, comune e supremo.

        5-. In assemblea: D&R e condividere le esperienze personali

Conclusione:  Chiamati a svegliarci

Sessione 17.  LA CARTA DELLA SOCIETA' CIVILE NEL DARE RISPOSTE ALL'URGENZA  DELL'AT

         Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:

         1-.  Identificare e definire i differenti attori che fanno parte della società civile;

         2-.  Apprezzare il lavoro con gli altri entrando a far parte di istanze pertinenti;

         3-.  Capire che la società civile gioca un ruolo importante nel raccogliere e conservare documenti su casi di AT;

         4-.  Prendere coscienza dei differenti strumenti e possibilità di informare la opinione pubblica;

         5-.  Conoscere i successi della società civile e familiarizzare con le buone pratiche ;

         6-.  Avere informazioni di base sui gruppi di difesa locale.

         Contenuti della sessione

         0-. Apertura.  PP.  Si e' fatta umanità

         1-. Come è composta la società civile?

         2-. Costruire e lavorare in coalizione, reti e alleanze

         3-. Vantaggi e svantaggi nel lavorare con ONG internazionali

         4-. Utilizzo del sistema di allerta precoce.

         5-. Conoscere i successi della società civile: La soft Law

         6-. Piccole e grandi vittorie della società civile.

         7-. Formare gruppi di difesa

Conclusione.  PP.  Come vanno le cose oggi

Sessione 18.  LAVORARE CON  I  MAS  MEDIA

        . Obiettivi della sessione: In questa sessione vogliamo:

        1-. Capire perchè è necessario lavorare con MCS e qual è il loro valore aggiunto per informare, convincere e lottare;

        2-. Saper differenziare i vari MCS ed i loro processi;

        3-  Familiarizzare con i differenti MCS e saper selezionare i più adeguati la difesa;

        4-, Acquistare conoscenze per elaborare messaggi attraverso MCS

        Contenuti della sessione

        0-. Apertura.  PP.

        1-. MCS: un alleato strategico nell'affrontare AT

        2-. Quali MCS.

        3-. Principi di base per sviluppare un messaggio.

        4-. Sviluppo di messaggi per differenti pubblici: domande fondamentali per orientare il lavoro.

        5-. Come utilizzare i MSC per formare ed informare, per persuadere  e lottare.

        6-. Lavoro di gruppo N.13

Conclusione.  PP.  L'acqua 

        . Lavoro di gruppo N.13

          ° Orientamento del gruppo di lavoro da parte dell'animatore (5min)

          ° In gruppo, a partire da quello di cui si è parlato nel corso, i partecipanti discutono su:

              - Qual è il livello di libertà e di indipendenza dei MSC nel paese e nel nostro contesto?

              - Con quali Media abbiamo lavorato?

              - Quali erano i nostri messaggi?

              - Quale è stata la nostra esperienza?

              - C'è qualcosa  che avremmo potuto fare per contrastare il potere dei Media oppure averlo fatto in modo diverso?

*Il responsabile del gruppo conserva le risposte 

Sessione 19.   ANALISI  DELLE  POLITICHE

        . Obiettivi della sessioneIn questa sessione vogliamo

        1-. Capire la differenza fra leggi e politiche e come le politiche vengono formulate.

        2-. Comprendere che cosa è l'analisi delle politiche e la importanza di identificare ed analizzare le politiche che sono in relazione con il tema dell'AT;

        3-. Prendere familiarità con il concetto di “vuoto politico”

        4-. Stabilire una mappa degli attori e dei manipolatori di queste politiche.

        5-. Acquisire gli strumenti di base che si possono usare  per promuovere e partecipare nelle politiche di una regione.

        Contenuti della sessione.

        0-. Aperture PP.  La storia dell'acqua in bottiglie

        1-. Quali sono le leggi e quali le politiche?

        2-. Analisi delle politiche.

        3-. Che cosa è un “vuoto politico”?

        4-. Strumenti di base per intervenire sulle politiche: cercare la porta di entrata” per intervenire nel processo politico.

        5-. Attori e manipolatori delle politiche.

Conclusione.  PP.  La verità sul coltan in Colombia

        . Lavoro di gruppo N°14

           ° Orientamento del gruppo di lavoro da parte dell'animatore (5min )

           ° I partecipanti, a partire da quanto hanno appreso, dialogano su:

              - Quali politiche nel paese e nella regione sono pertinenti all'AT?

              - Quali sono i “vuoti politici” e ne opportunità nel paese e nella regione?

              - Quali gli attori ed i manipolatori di queste politiche?

*Il responsabile di gruppo custodisce le risposte.

Sessione 20.  “ADVOCACY” (difesa)

        Obiettivi della sessione. In questa sessione vogliamo:

        1-. Conoscere che cosa si intende per “Advocacy” e lobbying

        2-. Condividere alcune idee per fare Advocacy” con successo.

        3-. Selezionare strategie e strumenti di Advocacy che si possano usare per prevenire e far fronte all'AT

        4-. Imparare i media che aiutino a valutare la capacità di advocacy” di una organizzazione;

        5-. Condividere e dibattere, a partire dalle esperienze dirette, i media ed i dubbi nell'uso della Advocacy”.

        Contenuti della sessione

        0-. Apertura.  PP.   Con la loro esistenza danno gloria a Dio

        1-. Quale differenza c'è fra lobbing e advocacy?

        2-. Idee per attuare una advocacy riuscita

        3-. Strategie e strumenti di advocacy

        4-. Paure ed inquietudini nell'uso di advocacy

        5-. Strumenti per valutare la capacità di una organizzazione nel  fare advocacy.

        6-. Assemblea:  discussione con i partecipanti su:

              ° Chi ha fatto esperienza di lobbing o advocacy?

              ° Quale era l'obiettivo? Per ottenere che cosa?

              ° Come è stato trasmesso il messaggio? ( discorso, comunicato di stampa, intervista alla radio,...)

              ° Che cosa suggerite per una advocacy riuscita?

Conclusione.  PP.  L'impatto del petrolio e delle miniere in Ciad e in Colombia.

Sessione 21. SVILUPPO  DI  UN  PIANO  DI  ADVOCACY

        Obiettivi della sessione.   In questa sessione vogliamo:

        1-. Conoscere le tappe fondamentali di sviluppo di un piano di advocacy;

        2-. Avere una informazione utile per sviluppare il piano di advocacy.

        . Contenuti della sessione

        0-. Apertura.  PP.  Una riserva di bontà e ottimismo

        1-. Considerazioni preliminari al Piano

        2-. Fattori che definiscono e determinano un piano di advocacy rispetto al AT in un contesto determinato.

        3-. Tappe di un piano di advocacy:  1. Definire il problema. 2. Stabilire mete e obiettivi. 3. Identificare i destinatari. 4. Costruire reti di appoggio. 5. Sviluppare il messaggio. 6.Selezionare i canali di comunicazione. 7.Ricuperare fondi. 8.Definire un piano di potenziamento. 9.Rischi e supposizioni. 10.Monitoraggio e valutazioni.

        4-. Lavoro di gruppo N°15

Conclusione. PP.

        . Lavoro di gruppo N°15

          ° Dividersi in piccoli gruppi.

          ° Riflettere sulla situazione del AT nel proprio contesto e: 

            - Identificare le 5 cose che si vorrebbe che cambiassero;

            - Selezionare un problema, identificare il pubblico destinatario ed elaborare un messaggio da comunicare verbalmente.

          ° Ciascun gruppo ha 30 minuti per lavorare.

           ° Ogni gruppo presenta il messaggio, che non deve durare più di 3 minuti.

Sessione 22.  FARE  UNA  CAMPAGNA

        Obiettivi della sessione:  In questa sessione vogliamo:

        1-.  Capire che cosa è fare una campagna;

        2-.  Imparare varie strategie per fare una campagna;

        3-. Prendere coscienza delle differenti forme di resistenza di comunità  ( violenta o non violenta );

        4-. Conoscere “i mezzi” per fare delle campagne come quelle organizzate per/dalla società civile;

        5-. Conoscere esempi che possano aiutarci nello sforzo di organizzare delle campagne.

        . Contenuti della sessione

        0-. Apertura. PP.  Un messaggio da non dimenticare

        1-. Che vuol dire fare campagne?

        2-. Che cosa si può ottenere facendo una campagna?

        3-. Modi diversi per  fare una campagna

              3.a Forme di resistenza delle comunità

              3.b Strategie di campagne estreme (picchetti di massa, boicottaggio, sciopero della fame, occupazione, sabotaggio  …).

        4-. Organizzare una campagna pubblica non-violenta: definire il problema, definire l'obiettivo, etc.

        5-. Strumenti per fare una campagna

        6-. Lavoro di gruppo o discussione in assemblea sulle strategie di campagne.

Conclusione.  PP.  La mia terra, la mia vita. 

Sessione 23.  UN  PIANO  DI  AZIONE

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo che:

        1-. Rivedere e definire il nostro piano d'azione (PdA) usando tutte le conoscenze acquisite.

        2-.Poter anche ritornare al lavoro ciascuno nel proprio posto, con un PdA, con gli strumenti che si possono usare per poter essere ulteriormente sviluppato e per realizzare una pianificazione che canalizzi gli sforzi per contrastare l'AT.

        Contenuti della sessione.

        0-. Apertura.  Apprezzando la vita, la casa

        1-. Terminare il PdA

             ° L'analisi di politiche è inclusa nel PdA?

             ° Il PdA include un Piano di Advocacy?

             ° Si è considerato se fare campagna è importante e ,in questo caso, quali strategie meritano di essere utilizzate nel proprio PdA contro l'AT?

             ° Il PdA considera lavorare con i media?

             ° Ha previsto lavorare in/con coalizioni, reti, alleanze? Tutti questi elementi sono inclusi nel PdA?

        2-.    Lavoro di gruppo N°16

              ° Orientamento al lavoro di gruppo da parte dell'animatore (5min)

              ° Prendendo spunto dai contenuti ricevuti durante il corso, rivede, apporta cambiamenti per portare a termine il PdA. (50min)

              ° Ciascun gruppo presenta il suo PdA per la discussione (20min)

              °  Il responsabile di gruppo conserva il PdA e la discussione

Conclusione.  PP. Sei mai stato così stanco?

24- Sessione - ULTIMA SESSIONE

        . Obiettivi della sessione.  In questa sessione vogliamo:     

        1-.  Concludere il cammino.  Incominciamo prendendo assieme decisioni che ci permetteranno di vivere bene questi giorni di seminario: Telefono, Foto, Puntualità,  Altri punti pratici.

            ° Ora vogliamo prendere decisioni che ci permetteranno di lavorare insieme per JPIC, nello sforzo di contrastare AT.

            ° Questo con tre orientamenti concreti:

                   - Che propongo di fare?

                   - Che cosa chiedo che si faccia?

                   - Che cosa voglio fare io?

        2-.   Sintesi dei contenuti del corso (30 min)

        3-.   Fare le valutazioni del Corso

        4-.   Definire prospettive di collaborazione futura (60 min)

        5-.   Altri punti.

        . Contenuti della sessione

        0-.  Apertura.  PP.  Essere povero e ricco oggi

        1-.  Attività personale N°6 + Lavoro di gruppo N°17: ciascuno riflette sulle tre domande:

               ° Che cosa propongo di fare?

               ° Che cosa chiedo che si faccia?

               °  Che cosa voglio fare io?

        2-.  Sintesi del contenuto del Corso

        3-.  Valutazione del Corso

               3.1-. Valutazione personale

                     ° Distribuzione del formulario

                     ° Il formulario è personale

                     ° Le risposte sono anonime (15 min)

               3.2-.  Valutazione di gruppo

                     ° I partecipanti e gli animatori rivedono le aspettative poste sulle note adesive attaccate alla parete all'inizio del Corso. (15 min)

                     ° Si controlla in assemblea se il corso ha risposto a tutte le aspettative.

        4-.  Prospettive di collaborazione futura

                     ° Scambio di idee espresse dai partecipanti

                     ° Un incaricato raccoglie le idee e ne fa una sintesi.

        5-.   Altri punti

                      ° Distribuzione della lista di contatto dei partecipanti

                      ° Foto di gruppo